Il Dalai Lama

Il Dalai Lama

Il 17 settembre l’amato Dalai Lama è venuto sino in Sicilia per parlarci della forza dell’amore.

Quale è la sorgente della felicità?

Secondo il Dalai Lama sono:

  • Amore
  • Compassione
  • Fratellanza

Nella nostra bella Sicilia, più precisamente a Messina nel teatro Vittorio Emanuele, il Dalai Lama ha ricevuto il premio:

Costruttori di pace

Chi meglio del Dalai Lama avrebbe potuto parlare di pace e ritirare questo bellissimo premio.

Esperienza condivisa con l’arcivescovo di Messina, Mon signor Accolla, il quale ha condotto questa giornata.

Il tema di questa giornata è stato:

  • Le religioni
  • La compassione
  • La fratellanza

Giornata passata anche ad ascoltare le domande e riflessioni delle persone in sala, mentre il Dalai Lama per tutto il tempo si è tenuto con le mani intrecciate a quelle di Mon signor Accolla, per simboleggiare:

  • Forza
  • Fede universale

Che vanno oltre qualsiasi steccato creato dall’uomo.

Continua dicendo Mon signor Accolla:

E’ la compassione che ci fa vivere sintonizzati come un tutt’uno, connessi con la vita delle altre persone.

Ovviamente continuò ringraziando il Dalai Lama per la sua presenza, soprattutto perché proprio il Dalai Lama è la testimonianza vivente dell’importanza della compassione.

Conclude dicendo:

Oggi più che mai la nostra società ha bisogno di grandi esempi spirituali, esempi da seguire, proprio come lui.

Durante la giornata il Dalai Lama ha risposto alle domande delle persone in sala, cercando di affrontare nella maniera più semplice temi come il buddismo tibetano e la pace interiore.

Continuò dicendo che sono le negatività a distruggere la pace, il corpo e l’anima.

Facendo l’esempio di come siamo abituati a coltivare l’aspetto fisico, così dovremmo imparare a coltivare l’aspetto spirituale e mentale.

Procede raccontando che le emozioni negative danneggiano il nostro sistema immunitario, mentre quelle positive lo rafforzano, poi accenna al sistema educativo, dove suggerisce di cambiare metodo, perché il metodo scolastico è basato sul far prevalere il più intelligente e il più forte…insomma il potere.

Serve un sistema che parta dall’asilo, fino all’università, che aiuti ai ragazzi a sviluppare valori come amore e spiritualità senza dover per forza parlare di religioni.

Insegnandogli amore e fratellanza, aiutandoli a sviluppare le emozioni positive che scaccino quelle negative, in maniera che fra 20 anni ci ritroveremo con degli adulti che si ameranno e rispetteranno.

Dice anche che ogni tanto sente dire: rilassati, siediti sul divano.

Ma se non hai una mente in pace mentre sarai sul divano avrai pensieri come rabbia, rancore, ansia. Solo una mente calma e in pace può godersi il relax.

Durante la giornata il Dalai Lama racconta di avere due scopi:

  1. Il primo è quello della promozione della felicità che arriva dall’interno e non dal denaro o dal potere, e secondo sua santità Dalai Lama, ognuno di noi già ha dentro di se.
  2. Il secondo e per lavorare all’armonia religiosa che negli ultimi anni sta facendo passi indietro anziché nel l’evoluzione dell’amore.

Quando finì la giornata ed era ora dei saluti, fu come se il suo sorriso è la sua pace rimasero dentro questo teatro…questa è l’energia dell’amore e della pace.

E tu? cosa pensi dei temi affrontai dal Dalai Lama?
E’ possibile cambiare il mondo con l’amore e la compassione?
Dimmi la tua nei commenti…Grazie Alex.

 

 

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *