Un mondo felice

Un mondo felice…è possibile?

Ti sei trovata nella situazione di chiederti, se questo è un mondo felice o se lo può diventare?

Perché se guardi tutte le notizie che circolano in tv e ormai anche sul web, questo sembra un pianeta da dove sarebbe meglio scappare a gambe levate.

Assorbimento inconscio 

Il problema è che, il terrore che assorbi quasi inconsciamente, poi lo proietti sulle persone accanto a te, forse non è il tuo caso, ma ti assicuro che per molte donne è così.

Bisogna fare attenzione anche ai nostri bambini, che non solo non sono in grado di mettere in discussione quello che sentono (perciò credono a tutto), ma loro osservano molto.

Osservandoti potrebbe assorbire anche lui le tue paure, ed il famoso detto tale genitore, tale figlio, in questo caso è molto più che un detto.

Tempo di qualità

Il tempo è anche poco, per via del lavoro, della casa, dei figli, perciò sarebbe meglio che fai diventare il tuo tempo, un tempo di qualità.

Anziché guardare la tv, ci sono molte cose più salutari, sopratutto non sei costretta ad assorbire tutto quello che i media vogliono che tu creda. Il mondo è molto più bello di così. Il pianeta è un mondo felice dove vivere, solo devi imparare a credere alla tua realtà, avendo una consapevolezza più elevata.

Se vuoi ottenere più consapevolezza per te, i tuoi figli e le persone a te care, leggi attentamente questo report.

In questo articolo scoprirai i 7 consigli di Tiziano Terzani, che ti doneranno più serenità e una forte spinta interiore.

Tiziano Terzani

 

un mondo felice

  1. Materia per creare un mondo felice

In una delle sue tante interviste, questa persona genuina, pura di spirito e dall’anima carismatica, ci racconta:

Siamo noi che non vogliamo sentire che c’è altro al di là della materia. Questo non può far sì che la nostra terra diventi un mondo felice!

Ma tu guarda tutto il mondo di oggi si fonda sulla materia:

  • L’acquisizione
  • L’avere più che l’essere
  • La concorrenza

Pensa un ragazzino che oggi va a scuola,  invece di crescere nella gioia di scoprire le cose del mondo, di scoprire la terra, di scoprire le sue meraviglie, la prima cosa che gli insegniamo, gli imponiamo è che deve essere concorrente del suo vicino. Deve essere il primo della classe.

Così è il sistema economico, tutto basato sul profitto, un sistema nel quale viviamo, basato esclusivamente sulla materia.

  • Dovrebbe essere fondata sull’esigenza dell’uomo!
  • Dovrebbe essere fondata non per i criteri economici, ma per l’uomo!

Continua dicendo:

Siamo sicuri che il progresso deve essere soltanto crescita, non sarebbe molto meglio arrivare ad una situazione dove abbiamo poco, ma il giusto è così tutti avranno un po di più?

Invece pochi hanno tantissimo, e tantissimi hanno poco. Se ci rimettessimo a pensare ciò di cui abbiamo veramente bisogno…non è di sicuro quello che l’economia di oggi ci da.

Oggi l’economia è fatta per costringere tanta gente a lavorare a ritmi spaventosi, produrre delle cose per lo più inutili, altri, invece lavorano a ritmi spaventosi per poter comprare cosa hanno prodotto i precedenti.

Un mondo felice è possibile con questi ritmi?

Questo non da felicità alla gente, perché le stesse persone vogliono sempre di più, non riescono ad accontentarsi.

Questo sistema fondato sulla crescita dei desideri, dove c’è sempre un desiderio che per te è raggiungibile, rende tutti infelice.

Il suo consiglio

Il suo consiglio è di fare un passo indietro e di ricominciare ad accontentarci come un tempo, dove si condivideva tutto, e c’era la voglia di stare assieme. Forse questa voglia di stare assieme non c’è più.

Secondo te è possibile un mondo felice accontentandosi e avendo tutti un po’ meno, ed altre persone un po’ di più, restando in equilibrio? Nel senso chi ha troppo togliersi qualcosa, in modo che chi non ha niente possa avere qualcosa di più?

 2    Tutt’uno

Questo è un grande concetto che la cultura occidentale ha dimenticato: tutto è uno.

Quando tutti percepiranno che siamo collegati, che tutto è uno, questo sarà un mondo felice, un mondo puro e pieno d’amore.

Un grande simbolo asiatico, in questo caso cinese, ovvero lo yang, rappresenta come la vita, l’universo, è l’armonia  degli opposti.

Perché non c’è:

  • Acqua senza fuoco
  • Femminile senza maschile
  • Notte senza giorno
  • Sole senza l’una
  • Non c’è bene senza male

Questo simbolo, lo yang è perfetto perché, il bianco e il nero che si abbracciano, all’interno del nero c’è un punto di bianco, e, all’interno del bianco, c’è un punto di nero.

È una faccenda su cui non riflettiamo mai:

Noi perseguiamo il piacere in ogni modo, ma non c’è piacere senza sofferenza, e non c’è sofferenza senza piacere.

Solo quando capisci questo: godi del piacere e accetti la sofferenza.

Noi non accettiamo che la nostra vita abbia in se la sofferenza, non la accettiamo, non ci piace, allora succede che:

  • Prendiamo pasticche contro qualcosa
  • Iniezioni per mandare via qualcosa
  • Droga per scappare dalla realtà
  • Gioie effimere

Un mondo felice sta anche nell’accettazione, non per forza nel scappare dal dolore e nel rincorrere il piacere a tutti i costi, causando così stress e ansie inutili.

Se impariamo ad accettare, molti lo stanno già facendo, questo sarà un mondo felice.

Trascrivendo le parole di Tiziano, ecco che questo grande personaggio disse:

Quando mi sono reso conto di tutto questo, ho capito che era assolutamente inutile continuare.

Poi c’è sempre qualcuno che ti dice:

ma come, non sei stato nell’America latina dove c’è una vecchia in cima alle montagne o in siberia dove c’è uno sciamano che vive da 300 anni che ha guarito tutti.

Poi cosa accade, che vai in siberia e scopri che questo sciamano non ha nemmeno 100 anni,  e continui correndo dietro tutti questi guru, proprio come le ciliegie…una tira l’altra.

Ad un certo punto ho detto basta:

Non voglio più sentire niente di tutta questa roba, perché la cura, ho capito che è un’altra.

È tutto questo lo posso scoprire solo dentro me stesso!

3    Mistero

Allora c’è un punto che bisogna riconoscere, che c’è un mistero, che non capiremo mai:

  • Accettiamo il mistero
  • Partecipiamo al mistero

Senza pretendere di doverlo per forza svelarlo

Le sue parole sono:

Cerca di trovare un’armonia:

  • Con ciò che ti circonda
  • Con la gente a cui tieni
  • Col prepararti all’ultimo passo che è la morte senza angoscia

Senza pretese di trovare sempre cure o risposte, restando in armonia.

Poi racconta di sua moglie:

“Giorni fa, questa meravigliosa donna che è mia moglie, mi ha detto: ma sentì un po’, ma se qualcuno ti telefonasse dicendo che hanno scoperto una pillola, una pillola che ti fa vivere altri 50 anni, la prenderesti?

No…per fare cose che ho già fatto? Non ho paura di morire, perché credo di essere stato fortunatissimo in questa vita:

  • Godo ogni giorno, come se fosse un altro giro di giostra
  • Sento che sono in armonia
  • Ho ritrovato equilibrio

Una consapevolezza del genere potrebbe gioia, nascerebbe un mondo felice?

Queste sono domande che mi sono fatto mentre cervo articoli su di lui o video è mi piacerebbe sapere anche la tua.

Continuando con le parole di Tiziano Terzani:

 

Poi se il sistema immunitario faccia casini, non mi importa, io sono in pace. È se lo sono davvero, questa è la soluzione.

Il suo consiglio:

Di fronte un bivio, con una strada che va in discesa ed una che va in alto, prendi sempre quella che va in alto, ti troverai sempre meglio.

un mondo felice

4    Ridere

Una civiltà che non sorride, è una civiltà infelice, e io trovo che ridere è una cura, infatti non ha caso una delle terapie dall’India è la  terapia del sorriso, del ridere.

Durante video, Tiziano Terzani disse:

Una mattina, una cosa che notai, era un gruppo di persone che dopo aver  fatto yoga, ad una certa ora, alzavano le mani al celo ed iniziavano a ridere di gusto:

HA HA HA HA HA AHA HA .

Quale modo migliore di iniziare la giornata, che poi magari finisce in uno ufficio con l’aria condizionata?

Perciò il consiglio che do a tutti e di iniziare e finire la giornata con una grande risata:

HA HA HA HA HA HA HA HA

Pensi che un mondo di persone che ridono più spesso possa essere un mondo felice?

Personalmente penso di sì, come insegnano diversi maestri, la risata può essere la forma più alta di meditazione.

5    Dio

Iniziò con una domanda:

È Dio che ha fatto l’uomo a sua immagine e somiglianza o e l’uomo che ha fatto Dio a sua immagine e somiglianza?

Gli hanno messo la barba, l’hanno messo a giudicare e gli hanno attribuito tutte le più orribili emozioni umane…che ti guarda sempre, che ti giudica, che ti manda all’inferno e non ti perdona.

Ma non è assolutamente vero, perché chi ha questi sentimenti…l’uomo:

  • Vendicativo
  • Cattivo
  • Che rimprovera i suoi simili

Dio è amore puro, Dio non ti giudica. Ricorda, sei un suo figlio, quindi anche tu sei amore.

Forse a volte te ne dimentichi, ma siamo tutti connessi da questo filo invisibile che è l’amore.

Focalizzati su questo meraviglioso dono, guarda sempre dentro il tuo cuore, ci sono tutte le riposte che cerchi.

Se dentro di te sei felice anche questo pianeta sarà un mondo felice.

 

6    Rivoluzione

Cosa è giusto e cosa è sbagliato?

Nel fondo del cuore di tutti, c’è chiaro cosa è giusto e cosa non è giusto, cos’è il bene e cose il male, non secondo le regole di un partito o di una religione, ma del cuore, che è uguale per tutti.

Tiziano Terzini ci invita a riflettere con queste parole:

In tutta la mia vita ho visto rivoluzioni, guerre, battaglie, ed è lì che ho capito che l’unica rivoluzione che si può fare per cambiare il mondo, è quella interiore, dentro di noi, cominciare da noi.

Gli venne l’idea che dopo 30 anni a viaggiare fuori, era arrivato il momento di fare un altro viaggio, quello dentro se stesso. Cercare una realtà che non fosse solo quella dei fatti.

L’unico posto dove puoi trovare amore e pace e all’interno, essendo che siamo un tutt’uno, di riflesso donerai pace e amore al mondo…questa è la vera rivoluzione!

 

Una rivoluzione che trasformerà il pianeta, in un mondo felice!

7    La natura

Ho scoperto una cosa fondamentale, dopo tutti i libri che uno legge, dopo tutte le cose che uno vede nella vita, ho scoperto la più grande maestra…la natura.

La natura ti insegna tantissime cose, e,  se noi riuscissimo a portare nella nuova generazione, questo senso della natura, credo che lasceremo una grande speranza a questi giovani che si vedono così disperatamente, disorientati, confusi e con la pressione che gli mettiamo:

  • Per l’avere successo
  • Correre, lavorare
  • Diventare importante

Se riusciremo ad insegnare ai  nostri ragazzi, i  valori spirituali della natura, gli insegnamenti della natura, faremo un grande salto quantico per questo pianeta.

Sarà un cambiamento straordinario. Sarà un mondo felice!

Spero che l’articolo ti sia piaciuto e che gli insegnamenti di questa anima pura, possa ispirarti a portare amore e pace dentro te stessa e di conseguenza nel mondo. Se credi possa aiutare qualcuno condividi l’articolo. Un abbraccio di amore Alex.

Comments

comments

2 risposte a “Un mondo felice”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *